Il conto termico.pdf

Il conto termico PDF

Massimo Scuderi

Nello scorso mese di dicembre è stato pubblicato il Decreto Ministeriale 28 dicembre 2012, definito Conto Termico che introduce un sistema incentivante per la promozione di interventi di piccole dimensioni per lincremento dellefficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili, definendo nuove modalità di incentivazione da parte del GSE (Gestore Servizi Energetici) che vanno ad affiancarsi agli altri strumenti attualmente vigenti che, se pure di analoga finalità, escludono alcuni Soggetti dai benefici previsti. Lo scenario che si apre potrà avere un forte impatto positivo su Famiglie, Condomini, Imprese, Pubblica Amministrazione, Installatori e Professionisti tecnici, poiché il Conto Termico prevede nuovi incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per lefficientamento energetico in edifici esistenti. Sono previsti incentivi rilevanti per le spese sostenute da privati e Pubblica Amministrazione per interventi quali: installazione di caldaie a biomassa, stufe e termocamini a biomassa, pompe di calore elettriche e a gas e collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling. Le Pubbliche Amministrazioni possono beneficiare di incentivi anche per interventi di isolamento termico degli involucri esistenti, per la sostituzione di infissi e di impianti di climatizzazione invernale esistenti con generatori di calore a condensazione e per linstallazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento. Nello scorso mese di dicembre è stato pubblicato il Decreto Ministeriale 28 dicembre 2012, definito “Conto Termico” che introduce un sistema incentivante per la promozione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili, definendo nuove modalità di incentivazione da parte del GSE (Gestore Servizi Energetici) che vanno ad affiancarsi agli altri strumenti attualmente vigenti che, se pure di analoga finalità, escludono alcuni Soggetti dai benefici previsti.Lo scenario che si apre potrà avere un forte impatto positivo su Famiglie, Condomini, Imprese, Pubblica Amministrazione, Installatori e Professionisti tecnici, poiché il “Conto Termico” prevede nuovi incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l’efficientamento energetico in edifici esistenti. Sono previsti incentivi rilevanti per le spese sostenute da privati e Pubblica Amministrazione per interventi quali: installazione di caldaie a biomassa, stufe e termocamini a biomassa, pompe di calore elettriche e a gas e collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling. Le Pubbliche Amministrazioni possono beneficiare inoltre di incentivi considerevoli anche per interventi di isolamento termico degli involucri esistenti, per la sostituzione di infissi e di impianti di climatizzazione invernale esistenti con generatori di calore a condensazione e per l’installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento. Il periodo di concessione degli incentivi è fissato in due o cinque anni in base alla tipologia e all’onere dell’investimento.Il Conto Termico rappresenta un’interessante opportunità di lavoro per i professionisti in quanto, per l’ammissione ad incentivo degli impianti di produzione di energia termica con potenza superiore a 35 kW occorrerà disporre di un’asseverazione redatta da un tecnico abilitato che attesti l’appropriato dimensionamento del generatore di calore. Necessiterà inoltre, in numerosi casi specifici disciplinati dal Decreto, allegare alla richiesta di incentivo una diagnosi energetica precedente l’intervento di efficientamento energetico e una certificazione energetica successiva allo stesso, ed entrambe dovranno essere redatte da professionisti abilitati, nel rispetto delle vigenti disposizioni nazionali o, ove presenti, regionali.In copertina:Archivio Hoval: schema di pompa di calore terra/acqua.Massimo Scuderi, Ingegnere idraulico è specializzato in Ingegneria Ambientale. Ha svolto attività di ricerca presso l’Università di Napoli nel settore della produzione di energia da fonti rinnovabili. Ha partecipato alla redazione del Piano di indirizzo energetico ambientale della Regione Basilicata del 2010. Consulente delle Procure della Repubblica di Napoli, Salerno, Avellino e Nocera Inferiore in tematiche ambientali ed energetiche e CTU di numerosi Tribunali e Corti d’Appello.Ha partecipato ai lavori del Coordinamento Interregionale Energia, che ha esaminato i Decreti del IV e del V conto Energia, il Decreto sulle Fer Elettriche del Luglio 2012 e il decreto sul Conto Energia Termico e sui Certificati Bianchi. È attualmente Direttore Tecnico della ‘in house’ della Regione Basilicata, che si occupa di produzione di energia da fonti rinnovabili, di efficienza energetica , di acquisto aggregato di energia elettrica e gas per gli enti pubblici della Regione e di pianificazione energetica.

INCENTIVI CONTO TERMICO Riceverai il bonifico dell’incentivo sul tuo Conto Corrente in soli 3 mesi. Privati e Condomini, Titolari di reddito di impresa e agrario e Pubbliche amministrazioni Ogni anno vengono stanziati fondi per 900 milioni di euro.

8.32 MB Dimensione del file
8838779031 ISBN
Il conto termico.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.classicstylehomes.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

www.theitaliantimes.it Inoltre il Conto Termico è cumulabile con altri incentivi di natura non statale e nell’ambito degli interventi precedentemente indicati. Finanzia inoltre il 100% delle spese per la Diagnosi Energetica e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) per le PA (e le ESCO che operano per loro conto) e il 50% per i soggetti privati e le cooperative di abitanti e quelle sociali.

avatar
Mattio Mazio

www.theitaliantimes.it

avatar
Noels Schulzzi

Il Conto Termico è uno strumento di sostegno statale per promuovere l'efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.Tra gli interventi comuni per i cittadini privati rientrano l'installazione di pannelli solari termici e la sostituzione di caldaie. L'obiettivo di questa agevolazione è quello di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, contenendo il Il Conto Termico 2.0, entrato in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno economico, introdotto in origine con il Decreto Ministeriale del 28 dicembre 2012, per interventi di piccole dimensioni per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l'incremento dell'efficienza energetica.

avatar
Jason Statham

Conto Termico 2018. Chi può usufruirne e quali sono gli interventi incentivati per riqualificare le abitazioni? Anche nel 2018 è disponibile il Conto Termico, strumento incentivante mirato a promuovere l’efficienza energetica e le energie rinnovabili termiche. L’incentivo sarà accessibile fino ad esaurimento del contingenti di spesa annuo stanziato di 700 milioni di € per i privati e Dal 31 maggio 2016 è entrato in vigore il nuovo Conto Termico, noto come Conto Termico 2.0; si tratta di un incentivo statale per tutti gli interventi finalizzati all’incremento dell’efficienza energetica e alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili.. La misura è entrata in vigore per la prima volta alla fine del 2012, la nuova versione però semplifica le modalità di

avatar
Jessica Kolhmann

www.theitaliantimes.it Inoltre il Conto Termico è cumulabile con altri incentivi di natura non statale e nell’ambito degli interventi precedentemente indicati. Finanzia inoltre il 100% delle spese per la Diagnosi Energetica e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) per le PA (e le ESCO che operano per loro conto) e il 50% per i soggetti privati e le cooperative di abitanti e quelle sociali.